Breve storia del Camerino Festival

Il Camerino Festival, nato nel 1987 come “Festival Internazionale di Musica da Camera”, ha attraversato in 34 anni diversi passaggi, mantenendo sempre un’altissima qualità testimoniata da programmi ricercati e artisti di fama internazionale.

Un elenco incompleto, ma significativo dei musicisti invitati dà la cifra dell’assoluto livello raggiunto dalla rassegna sin dagli esordi: i pianisti Martha Argerich, Ramin Bahrami, Rudolf Buchbinder, Khatia Buniatishvili, Michele Campanella, Bruno Canino, Alexander Lonquich, Fazil Say, Grigory Sokolov, Anatol Ugorski, i violinisti Salvatore Accardo, Gidon Kremer, Sergej Krylov, Uto Ughi, Pavel Vernikov; i violisti Juri Bashmet, Gerard Caussé, Danilo Rossi, i violoncellisti Mario Brunello, Francesco Dillon, Rocco Filippini; le formazioni da camera Borodin Quartet, Quartetto Prometeo, Quartetto d’archi della Scala, Trio di Parma, Philharmonisches Streichquintett Berlin, Salzburg Chamber Soloists, Solisti di Mosca; il direttore Guennady Rozhdestvensky; i chitarristi Manuel Barrueco, Eliot Fisk, Emanuele Segre; gli strumentisti a fiato prime parti dell’Orchestra Filarmonica della Scala e dell’Orchestra di Santa Cecilia; per la musica contemporanea il Divertimento Ensemble, il pianista e compositore Nicola Piovani, il contrabbassista e compositore Stefano Scodanibbio, il trombettista Markus Stockhausen; per la musica antica le cantanti Gemma Bertagnolli, Patrizia Bovi, Lynne Dawson, i solisti Giovanni Antonini, Fabio Biondi, Vittorio Ghielmi, Jakob Lindberg, Marco Mencoboni, Stefano Montanari, Luca Pianca, Jordi Savall e i complessi Accademia Bizantina, Concerto Italiano, Europa Galante, Giardino Armonico, Hilliard Ensemble, London Baroque, Micrologus, Solisti Veneti; e ancora, i jazzisti Stefano Bollani, Uri Caine, Paolo Fresu, Richard Galliano, Gabriele Mirabassi, Gianluca Petrella, Michel Portal, il musicista klezmer Giora Feidman.

Il Camerino Festival ha deliziato negli anni migliaia di spettatori, giunti da ogni parte d’Italia per assistere ai concerti in luoghi incantevoli come il Teatro Filippo Marchetti, la Chiesa di San Filippo, la Sala Consiliare del Palazzo Comunale, il Museo Civico nel complesso di San Domenico, l’oratorio di San Giovanni Decollato, la Sala della Muta del Palazzo Ducale, il Tempio di San Francesco, la Chiesa di San Giusto, la Galleria dell’Antinori nel Castello di Lanciano.

Il festival si è distinto anche per diverse produzioni di teatro musicale e balletto, collaborando con attori quali Bustric, Nestor Garay, Luigi Maio, Moni Ovadia, Alberto Terrani, Milena Vukotic, il regista Pierluigi Pizzi, prestigiose compagnie di danza contemporanea quali Balletto di Toscana e Aterballetto.

I concerti del Camerino Festival sono stati più volte trasmessi da Radio Tre Rai, nell’ambito dei programmi dedicati ai festival internazionali.